Blog

COSP VERONA: PERCORSI DI INCLUSIONE ALLA SCOPERTA DELLE ABILITA'


Parliamo del progetto ORIENTA-ATTIVA-MENTE che ha dato vita anche ad esperienze rivolte a ragazzi diversamente abili che si sono messi in gioco in contesti lavorativi. “Un percorso inclusivo può tramutarsi in un’importante opportunità di lavoro” racconta la sociologa Marita Graziani di COSP.
L’inclusione come canale di autostima e scoperta delle abilità, superando gli steccati di preconcetti e timori. Questo l’intento che ha abbracciato ogni singola tappa del percorso inclusivo, facente parte del progetto ORIENTA-ATTIVA-MENTE VERONA CENTRO, destinato anche a ragazzi diversamente abili. Protagonisti indiscussi Jennifer e Davide, entrambi di 18 anni e con così tanta voglia di mettersi in gioco da riuscire a scardinare gli stereotipi riguardanti la propria disabilità, a testimonianza che in ognuno di noi esistono preziose competenze che non aspettano altro che di essere scoperte. Basta solo avere l’opportunità giusta.
L’iniziativa ha trovato la sua forza in un virtuoso lavoro di rete che ha visto coinvolti COSP Verona - Comitato provinciale Orientamento Scolastico Professionale, responsabile del progetto ORIENTA-ATTIVA-MENTE, insegnanti, famiglia e i giovani stessi.

Leggi tutto

AAA...problem solving cercasi!

La risoluzione dei problemi è una delle competenze trasversali più richieste in ambito professionale. Scopriamo insieme in che cosa consiste e quali sono le sue applicazioni.

Non passano mai di moda, sono molto ricercate e stanno bene su tutti: parliamo delle competenze trasversali. Le competenze trasversali sono per definizione quelle capacità applicabili e utili sia a contesti che a compiti differenti. Al contrario di quelle specifiche, riguardanti un determinato settore lavorativo o una particolare mansione, si configurano come caratteristiche che abbracciano i più svariati ambiti. Da qui la loro trasversalità così tanto richiesta e apprezzata proprio perché rappresenta un ingrediente di base utile a valorizzare tutti gli altri.

Leggi tutto

DIDATTICA A DISTANZA: LA SCUOLA AI TEMPI DEL CORONAVIRUS


Esempi virtuosi, difficoltà e prospettive di un nuovo modo di insegnare. Abbiamo parlato di tutto questo con Flavio Filini, dirigente dell’Istituto “Copernico-Pasoli”: “Questa è l’occasione per ripensare la didattica in generale”.
La campanella suona ma non a scuola bensì a casa! Parliamo di didattica a distanza, ormai entrata nel nostro linguaggio quotidiano dopo la chiusura delle scuole determinata dell’emergenza sanitaria del Covid-19. La didattica a distanza permette di “mantenere viva la comunità di classe, di scuola e il senso di appartenenza, combatte il rischio di isolamento e di demotivazione” scrive la nota del MIUR del 17 marzo scorso.

Leggi tutto

VI SIETE MAI CHIESTI COSA FARANNO DA GRANDI I VOSTRI FIGLI?

Il 28 aprile 2020 dalle 17.30 alle 18:30 terremo, sulla piattaforma Zoom.US, un seminario online, intitolato "Vi siete mai chiesti coosa faranno da grandi i vostri figli?". Il seminario è gratuito e aperto a tutti i genitori degli studenti delle scuole medie che desiderano approfondire tematiche di orientamento, per aiutare i propri figli ad una scelta della scuola superiore più consapevole e contesutalizzata al mercato del lavoro futuro.

Leggi tutto

Gli effetti del coronavirus sull'occupazione in Veneto

Secondo l’analisi di Veneto Lavoro l’emergenza sanitaria attuale ha determinato la perdita di almeno 15-20.000 posizioni di lavoro dipendente.
Salute, rapporti sociali, istruzione, lavoro. L’emergenza sanitaria attuale scatenata dal Coronavirus ha determinato effetti sugli ambiti più importanti della nostra vita, richiedendo il coinvolgimento di forti risorse e un riassetto generale tutt’altro che semplice. Per tutelare il nostro bene più prezioso - la salute - sono state attivate misure finalizzate a contrastare nuovi contagi riorganizzando trasversalmente settori e dinamiche. Tutto questo in attesa di un miglioramento concreto della situazione.
Focalizzandoci sull’ambito lavorativo, oggi parliamo degli effetti che l’emergenza Covid-19 ha determinato a livello occupazionale nel contesto della regione Veneto. Per farlo ci siamo confrontati con la preziosa analisi realizzata dall’Osservatorio di Veneto Lavoro che ha preso come riferimento il periodo che va dal 23 febbraio 2020 - giorno in cui sono state attivate le prime misure di contenimento - al 22 di marzo.

Leggi tutto

ALLA SCOPERTA DELLO STORYTELLING

Focus sull’affascinante e allo stesso tempo meticoloso lavoro di “comunicare tramite racconti”. Scopriamo gli ingredienti di un servizio sempre più richiesto dalle imprese.
C’era una volta e soprattutto c’è ancora, più vivido che mai e con forte appeal. Di che cosa stiamo parlando? Basta una sola parola per scoprirlo: storytelling. Negli ultimi anni se n’è discusso molto attraverso articoli, libri, video, social e non solo. Gli stessi storyteller sono diventati figure di rilievo e spesso necessarie per le aziende che vi si affidano. Nel frattempo hanno preso vita percorsi di formazione dedicati al tema e non sono mancati confronti tra esperti del campo.
Lo storytelling viene, infatti, sì spesso esaltato ma allo stesso tempo anche travisato. Chiariamo quindi subito una cosa importante: fare storytelling non significa banalmente “raccontare storie”. Consiste piuttosto nel “comunicare tramite racconti”. Questo ce lo dimostrano le parole “history” (storia) e “story” (racconto), che rimandano a funzioni diverse.

Leggi tutto

Verona: aperta la call per la realtà STEAM!

In arrivo un grande evento dedicato a scienza, tecnologia, ingegneria, matematica e arte organizzato dall’associazione We STEAM. “Creiamo rete tra chi opera in questi ambiti” spiega la presidente Serena Capodicasa.
Conto alla rovescia per un grande evento che riunisce scienza, tecnologia, ingegneria, matematica e arte all’insegna del confronto e del coinvolgimento. L’appuntamento è previsto a Verona nel mese di novembre sotto un titolo che è già tutto un programma: “Tecnologie per l’umanità”. Dal 13 al 26 novembre si alza il sipario su 2Weeks4STEAM, due settimane ricche di incontri rivolti a diverse fasce di età, compresi ragazzi e bambini.
“STEAM sta proprio per scienza, tecnologia, ingegneria e matematica alle quali abbiamo voluto aggiungere la “A” di arte - racconta con entusiasmo Serena Capodicasa, presidente dell’associazione We STEAM che sta curando l’intera organizzazione - L’arte in questo caso avrà il compito di rendere tutto più comunicabile e fruibile, sfatando anche il luogo comune che le discipline citate precedentemente in realtà non lo siano”.

Leggi tutto

RIORIENTAMENTO: La scuola che ho scelto fa veramente per me?

Parliamo del servizio di riorientamento che risponde a dubbi e ripensamenti durante il percorso di studi. “Ascoltiamo e condividiamo le difficoltà incontrate dai ragazzi” spiega l’esperta Luisa Adamo di COSP Verona.
Scegliere quale strada intraprendere rappresenta, in ogni fase della vita, un momento speciale. Emozioni, quesiti e timori s’intrecciano tra loro perché ogni scelta guarda al futuro e traghetta con sé piccole o grandi responsabilità.
Una delle prime esperienze su questo fronte avviene proprio durante l’inizio dell’adolescenza quando in terza media siamo chiamati a decidere in quale scuola superiore iscriverci. Ma una scelta non dev’essere per forza definitiva. Può, infatti, succedere che quello per cui abbiamo optato sembri non essere realmente nelle nostre corde o che ci crei dei dubbi. È quindi importante fare il punto della situazione, senza perdersi d’animo e cogliendo l’occasione per capire veramente che cosa vogliamo fare. Proprio qui entra in gioco il prezioso servizio di riorientamento che consente di confrontarsi direttamente con perplessità ed eventuali cambiamenti.
Per conoscere meglio questo articolato servizio abbiamo intervistato Luisa Adamo, pedagogista ed esperta del tema di cui si occupa con passione da tempo nell’ambito di COSP - Comitato provinciale per l’Orientamento Scolastico e Professionale Verona. Luisa ha incontrato numerosi studenti delle scuole superiori e dell’università, gestendo anche la parte di orientamento che precede la scelta stessa.

Leggi tutto

SMARTWORKING: flessibilità che guarda al futuro

Il lavoro agile è un approccio sempre più adottato con soddisfazione da aziende e lavoratori. Sul tema ci siamo confrontati con una delle più importanti esperte a livello italiano: Arianna Visentini, presidente di Variazioni srl.

A prova di produttività, soddisfazione personale e anche preconcetti. A spuntarla su questa triade tutt’altro che soft ci pensa lo smart working. Di lavoro agile - questa la traduzione più azzeccata - se n’è parlato molto negli ultimi anni. Soltanto però nelle recenti settimane, a seguito delle misure di contenimento del Coronavirus, è diventato un termine quasi familiare oltre che un approccio fortemente necessario. Definita come “nuova filosofia manageriale” - da non confondere con il telelavoro - lo smart working si basa su capisaldi come flessibilità, autonomia e responsabilità.

Secondo i dati pubblicati lo scorso autunno dall’Osservatorio Smart Working, gli smart worker in Italia sarebbero circa 570 mila. Altro dato importante: mediamente rivelano un grado di soddisfazione nel proprio lavoro molto più elevato di chi opera con modalità tradizionale. Tutto questo strizzando l’occhio alla tutela dell’ambiente. Basta, infatti, calcolare il peso determinato, a livello di inquinamento dell’aria, dagli spostamenti in automobile per raggiungere quotidianamente il luogo di lavoro.

Per fare il punto della situazione ci siamo confrontati con Arianna Visentini, esperta di welfare aziendale nonché presidente di Variazioni srl, una delle più importanti realtà italiane, made in Mantova, che si occupano del tema.

Leggi tutto

GET IN TOUCH

CONTATTI

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
045 597108
Cod.Destinatario Fatt.Elettr.: W7YVJK9

DOVE SIAMO

Via Zeviani 8
37131 Verona

ORARI

Lun - Ven 9 - 14

NEWSLETTER